Racconto per bambini

La gamba
Un pomeriggio morì una vecchia signora che abitava poco lontano dal paese.
Noi ragazzi andavamo sempre a schernirla per la gamba di legno che sostituiva
quella, vera, persa durante un bombardamento. Anche il giorno della sua morte
andammo a trovarla: era stesa sul letto, e vicino aveva la gamba di legno che
oramai non le serviva più. Per farle un ultimo scherzo, durante un attimo di
disattenzione dei parenti rubammo la gamba per utilizzarla poi per i nostri
giochi. In pochi minuti l’avevamo ridotta in quattro pezzi.
Erano gli anni Cinquanta e noi la sera andavamo nella stalla a giocare a
nascondino. C’eravamo ormai dimenticati della vecchia signora e pure della sua
gamba. Verso mezzanotte udimmo degli strani rumori provenire dalla stanzetta
attigua alla stalla. I nostri genitori erano da poco andati a dormire, noi li
avremmo raggiunti poco dopo.
Eravamo certi che non vi fosse nessuno lì. Presi dalla paura iniziammo ad
indietreggiare per raggiungere la porta e correre dai nostri genitori, quando
udimmo il catenaccio chiudere la porta della stalla.
Dopo avere cercato inutilmente di uscire ci raggruppammo stretti uno all’altro.
Fu in quel momento che sentimmo nuovamente i passi. Come quelli di una
persona che cammini saltellando. Eravamo immobilizzati dal terrore. Quando
udimmo delle urla spaventose, la porta cominciò a vibrare per poi aprirsi di
colpo.
Urlavamo terrorizzati non sapendo cosa o chi avesse fatto questo. Poi dal buio
della piccola stanza vedemmo avanzare una mostruosa figura, e subito
cercammo di fuggire, ma la porta, chiusa dall’esterno, ce lo proibiva. Il
misterioso personaggio si avvicinava sempre più. Quando aprì il mantello, un
coro di urla quasi disumane risuonarono nella stalla: una figura agghiacciante,
dal cui corpo pendevano brandelli di carne, si presentò ai nostri occhi.
Gigi, forse il più coraggioso di noi, gridò:
— Guardate! Ha una sola gamba!!!
Fu in quel momento che una voce cavernosa risuonò nella stalla:
— Dove avete portato la mia gamba?
— Noi non abbiamo nessuna gamba, — rispose sempre Gigi.
— Voglio la mia gamba di legno!!! — urlò nuovamente il mostro.
Non appena lo sentimmo parlare della gamba di legno ci ricordammo della
vecchia Matilde.
— La gamba di legno che avevamo rubato era quella della vecchia, non tua, —
risposi tremante.
— Io… sono Matilde, e voglio la mia gamba, la devo portare con me…! — gridò
la mostruosa figura.
Ci guardammo in faccia, oramai la gamba era rotta e non avremmo più potuto
consegnargliela.
— Mi dispiace, ma la gamba è rotta… — disse Gigi.
— Se entro domani sera non avrò la mia gamba, porterò con me uno di voi.
Detto questo scomparve e la porta della stalla si aprì.
Il giorno dopo, senza dire nulla a nessuno, raccogliemmo i pezzi rotti della
gamba della signora Matilde, e la sera stessa, dopo averne incollato i pezzi, la
lasciammo nella stalla.
Il giorno dopo della gamba non c’era più traccia.
Da quel giorno non abbiamo più deriso né fatto scherzi a nessuno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: